finestra testimonianze.jpg
APPROFONDIMENTI02.jpg

Saggia guida e consigliera

. Giuseppe Ranocchini, Pallottino, aveva dieci anni quando lei morì. Egli ricordava che trascorse gli anni più belli della sua giovinezza a Castel Sant’Elia: ​ “…Il ricordo di Madre Francesca è per me incancellabile. Madre Francesca appariva tra noi bambini come una madre ricca di attenzione, di bontà e di amore. La sua pazienza nel sopportare i nostri difetti infantili era meravigliosa ed esemplare… mi colpì soprattutto la sua umiltà tanto grande e profonda; poi il suo desiderio di rimanere nascosta ed occultata a tutti chi era, cioè la Fondatrice, e che cosa possedeva, cioè le sue virtù; e il modo come visse, cioè la vera santità. Le nostre madri andavano spesso da lei per riceverne consigli ed ammaestramenti. Era la nostra guida e il nostro conforto. ...Nell'assistere i bambini preferiva soprattutto i più piccoli, perché essi avevano bisogno ancora dei servizi più materiali, anzi, persino dei più umili. Ella faceva tutto questo con garbo completamente naturale, con bontà materna e grande amore. Alla sua morte tutto il paese fu in lutto. Gli adulti piangevano e noi bambini passavamo davanti alla sua salma in silenzio e profondamente commossi, guardando i suoi lineamenti e i suoi occhi chiusi per sempre…”

P. Giuseppe Ranocchini