1893

TOMAHAWK, WISCONSIN

Ospedale del Sacro Cuore

APPROFONDIMENTI02.jpg

Il 1° ottobre 1893 P. Joch e cinque suore partite da Marshfield giunsero a Tomahawk, nella contea di Lincoln, per aprire una nuova missione. La città era stata fondata da poco, nel 1891. Il sito, progettato solo nel 1887, era appartenuto agli Ojibwe, una delle popolazioni indigene più numerose a nord del Rio Grande, che avevano fatto di quest’area il loro terreno di caccia preferito. Nel 1837, con il noto “Acquisto di Pike”, lo avevano ceduto agli Stati Uniti. Ora, all’arrivo delle suore, nella giovane Tomahawk mancava di tutto. Ci basti pensare che la prima casa di legno era stata costruita solo nell’ottobre del 1887, e che la prima ricetta, scritta dal primo medico del villaggio appena sorto, porta la data del 19 dicembre 1886. Possiamo dunque solo intuire lo spirito pioniero di queste suore missionarie che il 19 ottobre 1893, dopo aver affittato una casa, si trasferiscono lì con i loro due primi pazienti, divenendo un punto di riferimento per la popolazione locale, in buona parte boscaioli. Nelle Cronache leggiamo che l’ospedale del Sacro Cuore, costruito appunto nei boschi del Nord Wisconsin, fu inaugurato il 20 luglio del 1894 e che in quell’occasione alcune donne di Tomahawk offrirono aiuti per la celebrazione e tutti i cittadini contribuirono alle spese dell’opera, siglando un corale successo finanziario. Non poco per una comunità cittadina così giovane! E davvero tanto per cinque suore ricche di grandi ideali, ma povere in canna!